La parola a Patty

La parola a Patty

Recensione: Io prima di te di Jojo Moyes

12622282_1073349396064488_4882802518292729516_o-1Sinossi: A ventisei anni Louisa Clark sa tante cose. Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell’autobus e casa sua. Sa che le piace fare la cameriera in un locale senza troppe pretese nella piccola località turistica dove è nata e da cui non si è mai mossa, e probabilmente, nel profondo del suo cuore, sa, anche di non essere davvero innamorata di Patrick, il ragazzo con cui è fidanzata da quasi sette anni. Quello che invece ignora è che sta per perdere il lavoro e che, per la prima volta, tutte le sue certezze saranno messe in discussione. A trentacinque anni Will Traynor sa che il terribile incidente di cui è rimasto vittima e l’ha inchiodato su una sedia a rotelle gli ha tolto la voglia di vivere. Sa che niente può più essere come prima, e sa esattamente come porre fine a questa sofferenza. Quello che invece ignora è che Lou sta per irrompere prepotentemente nella sua vita portando con sé un’esplosione di giovinezza, stravaganza e abiti variopinti. Nessuno dei due, comunque, sa che la propria vita sta per cambiare per sempre.


10426742_786703331401877_8166225485828685685_n

Un libro che è diventato un film e ammetto lo sto aspettando con ansia, perché struggente, intenso. Una storia diversa c’è amore, libertà, scelte e la conquista del libero arbitrio, soprattutto da parte di Will. Due protagonisti che ti entrano nel cuore e ti conquistano, perché sono forti e di impatto. Non so cosa posso scrivere che non abbiate già letto o visto, ma voglio condividere il mio pensiero su questa storia. Ho sentito che il film è stato molto criticato, visto l’argomento trattato, un paraplegico che non ha più voglia di vivere, perché non è vita dipendere sempre dagli altri, vivere su una sedia e sapere che un attacco di polmonite o delle infezioni ti può tenere a letto per mesi, sotto atroci sofferenze, consumando le poche energie del tuo corpo. Vivere giornate sempre uguali, sapendo cosa si prova a essere liberi, viaggiare e sentire forti emozioni, facendo sport estremi, ma molte volte il destino scherza con noi e la vita cambia in pochi secondi, quando meno te lo aspetti e ti senti al sicuro, lontano da qualsiasi pericolo. Questo è quello che è successo a Will, ma lui non ci sta!

41724

Lou è la protagonista indiscussa di questa storia, dolce e caparbia, scappa dall’ignoto rimanendo ancorata alla sua vita, noiosa, monotona e senza imprevisti. Lei sa tutto, quanti passi ci sono tra la fermata dell’autobus e casa sua, le piace fare la cameriera in un bar, senza cercare di migliorarsi e porta avanti una relazione da anni, ma cosa prova ancora per Patrick? Il suo fidanzato storico che è più interessato a se stesso che al loro rapporto, certo si amavano, ma lui è cambiato, ora è ossessionato dal suo aspetto fisico e vuole partecipare a un evento sportivo tra i più difficili. Lou non è interessata a condividere questa passione, le piace uscire a bere e se deve mangiare un dolce, lo fa, senza troppi pensieri. Come vi posso descrivere Lou? Colorata, positiva, solare, sia come persona sia per i vestiti sia indossa e anche se si presenta come una persona superficiale, non lo è. Lou si ritroverà improvvisamente senza lavoro e l’unica cosa che trova è aiutare un paraplegico, è così che i loro mondi si scontrano/incontrano.

Will non è una persona facile, soprattutto per quello che gli è successo e non vuole la pietà di nessuno, tanto meno quella di Lou, assunta per sei mesi. Lou tenterà di tutto per farsi accettare, ma la strada è tutta in salita e Will non si lascia andare più di tanto, fino a quando, molto lentamente, Lou riesce a creare una breccia nel suo muro, imparando a conoscerlo e standogli accanto nei momenti più difficili e di dolore. Anche Will ha qualcosa da insegnare a Lou che deve imparare a lasciarsi andare e a vivere, senza farsi scappare le occasioni per paura.

“Non riesco proprio a capire come tu possa accontentarti di vivere una vita così scialba. Una vita che si svolgerà quasi interamente nel raggio di dieci chilometri e non includerà nessuno che saprà mai sorprenderti, né stimolarti, né mostrarti cose che ti faranno girare la testa e non ti lasceranno dormire la notte”.

L’autrice ha saputo creare una storia bellissima, fa piangere, fa ridere e non lascia indifferenti. Non credo che volesse dare un’opinione sui motivi che possono portare una persona a una determinata scelta, giustificandola, ha solamente raccontato una storia d’amore, certo diversa dal solito, ma come tale va letta. Una storia indimenticabile nella quale i punti di forza sono proprio i protagonisti Lou e Will, scritto da diversi punti di vista, per buona parte quello di Lou, ma mai da quello di Will. Pertanto sappiamo cosa pensano le persone accanto a lui, come lo vedono, come vivono questa situazione, ma mai la sua. E’ una lettura da non farsi scappare.

Patty12764644_10201630408517878_5939727256218727346_o

 

Precedente Terza tappa blogtour Ciak e amore Successivo Prova ad amarmi ancora recensione