“il romanzo del quinquennio – LA SERIE”

“il romanzo del quinquennio – LA SERIE”

Angela Parise ritorna con una serie tutta da leggere: il romanzo del quinquennio.

24133517_1727865020565025_1603689377_n

E voi? Ve lo ricordate il vostro quinquennio alle superiori? O forse, lo state ancora vivendo… o forse, lo state per intraprendere. Quei fatidici cinque anni in cui, come ci hanno sempre insegnato “si entra bambini e se ne esce ormai adulti”; quell’età balorda in cui non si è né carne, né pesce, in cui tutto sembra insormontabile ma anche mitico e ricco di aspettative.

Ecco. Proprio quei cinque anni lì.

Come in una sorta di “viaggio dell’eroe”, in questa serie ripercorreremo le esperienze cruciali della vita da liceale di Fabiana, detta Ziggy, studentessa monferrina forse troppo riservata e puntigliosa ma con un grande cuore e con grandi sentimenti, pronta ad aprirsi alle nuove esperienze che la vita le pone davanti: assieme a lei in questo lungo viaggio, le amiche del cuore Paola e Carlotta, la sua famiglia un po’ idealista, i professori, ognuno con una caratteristica saliente e i compagni di classe, tutti diversi ma in fondo, tutti simili. A chiudere il cerchio, due personaggi fondamentali: l’antagonista e l’innamorato. Potevano forse mancare?

L’antagonista è rappresentata da Becky, la nemesi di Fabiana. Bella, ricca, intelligente ma anche egocentrica e smodatamente viziata. L’odio è reciproco, l’insofferenza alle stelle tanto da caratterizzare a più riprese le vicende della nostra protagonista.

 

Un unico viaggio. Cinque anni. Una moltitudine di personaggi. Una sola protagonista.

cats

LA PRIMA SUPERIORE

“MAGIC DANCE”

Nella parte dedicata alla prima superiore, faremo la conoscenza di Fabiana e di tutti i personaggi di questo romanzo: si parte dal primo giorno di scuola, cruciale perché è il punto di svolta dalle medie alle superiori; complicato perché si conoscono nuove persone che caratterizzeranno appieno un lungo periodo della vita: tra queste spiccano senza dubbio le due metà della mela: da una parte le amiche del cuore, Paola e Carlotta; dall’altra, l’acerrima nemica, Becky. Si vive, all’interno di una classe e all’interno di una famiglia che tutto sommato, potrebbero essere le nostre fino ad arrivare alla fine dell’anno scolastico e alle considerazioni che questa porta con sé.

 

 

LA SECONDA SUPERIORE

“LIFE ON MARS?”

In seconda superiore, si entra finalmente nel vivo. Fabiana trova l’amore, il primo della sua giovane vita, quello che poi nel male o nel bene, uno si ricorda per sempre. In questo contesto, anche Paola e Carlotta vivono in contemporanea con Fabiana i loro primi tormenti amorosi: Paola con un disgraziato che la tratta come un bambolotto; Carlotta nell’eterna ricerca di un fidanzato bello, ricco e talentuoso che vada bene a mamma e papà. E Becky, la star del liceo? Becky ha tutto, compresi numerosi fidanzati e compagnie di amici selezionatissime. E l’antipatia, quella congenita nei confronti di Fabiana. Come finirà?

 

LA TERZA SUPERIORE

“CHINA GIRL”

All’inizio della terza superiore, ecco arrivare un po’ di pepe a stuzzicare la classe: Annalisa Ubaldo, antipatica e saccente studentessa romana, trasferita a Novi per motivi di lavoro del padre, entra a far parte della numerosa classe di Fabiana. Facile immaginare che la sua ingombrante presenza e il suo modo non troppo discreto di voler primeggiare, cozzino inevitabilmente con Becky che già da due anni ha il dominio assoluto su tutti i compagni. Chi vincerà?

 

LA QUARTA SUPERIORE

“ZIGGY STARDUST”

La quarta superiore è una sorta di annus horribilis. Fabiana dovrà affrontare, come mai prima d’ora, perdite importanti e grandi delusioni. Un grave lutto in famiglia che la destabilizzerà, incomprensioni con le amiche di sempre, Becky che le rompe costantemente le uova nel paniere e Anthony che… Anthony che… beh sì insomma, qualche problema lo dà. Cosa succederà?

 

 

 

LA QUINTA SUPERIORE E GLI ESAMI DI MATURITÁ

“HEROES”

Siamo in quinta superiore, gli esami diventano imminenti ed ogni studente si prepara come può, non solo ad affrontarli, ma anche e soprattutto a quello che succederà dopo. Bisogna scegliere una facoltà universitaria, segnare la propria strada, intraprendere un cammino e soprattutto capire che è quasi arrivata la fine di un percorso. Percorso al quale si è ancora profondamente legati ma che in qualche modo, finirà presto di appartenerci.

Precedente Recensione Fixed di Eleonora Ragozzino Successivo Nuovo marchio editoriale