Conosciamo Tiziana Cazziero

Salve amici lettori, oggi nel mio piccolo blog ho il piacere di ospitare un’autrice self made in Italy che si batte non solo per farsi conoscere ma anche per far conoscere gli altri. Ma ora conosciamo Tiziana Cazziero

Sono quasi due anni ormai che sono in questo mondo e la prima persona che ho conosciuto è stata proprio lei. Stavo navigando su facebook e stavo per pubblicare il mio primo libro quando ho deciso di cercare altre persone come me interessate alle lettura e alla scrittura e li ho incontrato lei. Mi ha accolto subito nel suo gruppo ed è stata gentilissima ogni volta che avevo bisogno di un chiarimento. Poi grazie all’inserimento nel gruppo i nostri ebook ho conosciuto tantissime persone di cui non potrei fare più a meno: grazie Tiziana! Ora passiamo alle domande.

INTERVISTA

  • Spiegaci in poche parole chi sei, cosa ami fare e qual è il ruolo della scrittura nella tua vita?

Ciao e grazie per questa intervista. Che dire, mi piace definirmi un’amante della scrittura e dei libri in generale, mi dedico da diversi anni alla  promozione online dei libri, dando voce agli autori emergenti per divulgare l’amore per i libri, la lettura e far conoscere nuovi probabili talenti.  Il ruolo della scrittura nella mia vita? Diciamo che questa ruota intorno alla parola scritta, trovo sia essenziale per me e per ciò che amo fare: dispensare sogni.

  • Qual è stato il percorso che ti ha permesso di pubblicare il tuo libro?

Il mio primo libro lo pubblicai nel 2010 con il sito ilmiolibro.it, mi piaceva l’idea di trasformare quella storia su carta e renderla disponibile al pubblico. Dopo circa un anno arrivò il contatto con un editore, era il 2011 e da lì è cominciato tutto.

 

  • Quali sono le difficoltà più grandi che hai incontrato (e che stai incontrando) nella promozione del tuo libro?

Le difficoltà promozionali sono tante anche se oggi i social riescono a dare un grande aiuto ai giovani autori che cercano di farsi conoscere dai lettori. Io dico sempre che la promozione è un lavoro, quando pubblichi sei a metà strada, poi c’è tutto un sistema di promozione che richiede tempo, devozione, costanza. Purtroppo non è semplice, devi essere presente, tenere viva l’attenzione su di te e farti apprezzare come persona e autrice. Non è facile, ci vuole tempo.

  • Quanto è importante secondo te la promozione per il successo di un libro?

A volte si parla di colpo di fortuna, ed è in parte vero, ma la promozione ha un ruolo fondamentale nella divulgazione di un qualsiasi prodotto. Bisogna inventarsi sempre qualcosa, ma soprattutto, credo che sia fondamentale scrivere un buon libro, penso che il passaparola scatenato dai semplici lettori sia vitale in questo senso. Certo, gli autori devono fare del loro meglio per attirare l’attenzione, ma talvolta non basta.

 

  • CE o self? Quali sono i pro? E i contro?

Io sono un’autrice a favore di entrambi. Penso che un autore in generale debba provare entrambe le strade. Io ho un contratto con Delos, ma amo essere indipendente e prediligo avere la maggior parte dei miei libri in regime di selfpublishing per una questione di indipendenza sia organizzativa ma anche economica. Io pubblico con Amazon e posso contare ogni mese su un’entrata, modesta ma costante, questo è un punto a suo favore, oltre a essere una piattaforma che permette agli autori di mettersi in mostra e arrivare anche all’estero con il proprio nome. I contro dell’autopubblicazione riguardano soprattutto i nuovi autori che devono ancora comprendere tutti i meccanismi della promozione. Una casa editrice piccola o media che sia, non sempre promuove a dovere gli autori e credo che questo lavoro spetti sempre allo stesso autore, che deve sapersi “vendere” al pubblico. Al contempo una casa editrice può inserirti in un contesto di news letter, pagine e vetrina sito, che in qualche modo possono aiutare l’autore. Certo la casa editrice ha molti autori e libri da promuovere, ogni mese ha nuove uscite ed è normale che la promozione si focalizzi sulle nuove uscite e questo, è un fattore sfavorevole per il singolo autore. Quest’ultimo a mio avviso, che sia self o con casa editrice, deve fare il grosso del lavoro promozionale e gestirsi in prima fila.

  • Parlaci del tuo libro (se più di uno dei tuo libri) e convincici a leggerlo.

Ho pubblicato diversi testi dal 2010 a oggi, cosa dovrei dire per convincere i lettori a leggermi? Le mie storie raccontano la vita vera, ci sono emozioni tratte dal vissuto di tutti i giorni, non solo romance, ma anche drammatico. Le mie opere sono spunto di riflessione verso la vita; si parla di amore, ma anche di famiglia, amicizia, rispetto e poi cerco di condirle con tanti ingredienti differenti. In alcuni tratti posso puntare sull’ironia, in altri sulla storia d’amore intensa, e poi anche mistero, giallo, e situazioni enigmatiche. Da Voltare Pagina un romance suspense,  per poi passare a E tu quando lo fai un figlio scritto in chiave ironica, una storia vera e biografica ma romanzata, per poi ancora storie di forte impatto emozionale come la serie di due volumi Ritrovarsi e i due racconti Maya angelo del mio cuore e Il coraggio d’amare, posso dire di aver trattato tutte le tematiche di forte interesse emozionale. Si piange, si ride e si sogna. Un romanzo che mi ha dato grandi soddisfazione è Quell’amore portato dall’Africa, anche qui troviamo forti sentimenti e una vicenda trattata spesso dalle cronache vere. Poi c’è anche un fantasy, Patto con il vampiro e una guida per la promozione online; come vedi mi piace essere versatile, non mi faccio mancare nulla, mi piace sperimentare e a breve partiranno altri due progetti importanti. Tutti testi scritti negli ultimi diciamo, dieci anni!

 13007318_10209037393960113_6303548680126882358_n

  • Rilascia un estratto della tua opera

Va bene grazie, se posso, lascio in anteprima un estratto della mia prossima opera Amore Tormentato, una storia drammatica che tratta la violenza sulle donne.

Le gambe le tremavano. Il pavimento l’avrebbe accolta se non fosse stato per il suo soccorritore. «È lì. L’ho visto» balbettò con labbra tremanti. Alex volse la testa verso l’esterno. Fissando il punto perso nel vuoto in cui Giorgia aveva attaccato i suoi occhi trasparenti. Non vide niente. Dopo qualche istante la donna riprese il controllo di se stessa. Si erse in piedi, dritta, forte e fiera, corse fuori. Si precipitò fuori in strada gridando. «So che ci sei. Ti ho visto!» Giorgia attirò l’attenzione di qualche passante. L’espressione del volto fiero, non impaurito, ma pronto a dar battaglia. Alex, la raggiunse. In silenzio, aspettò una parola per lui. «Non so cosa sia successo o chi tu abbia visto, ma se vuoi, il mio invito a pranzo è sempre valido e ne potremo parlare più tardi», non c’era alcun rimprovero nella sua voce. Il tono era calmo, pacato, pronto ad accogliere ogni sua replica. Giorgia distolse lo sguardo, negando ogni possibilità d’incontrarsi. Corse dentro il negozio e si chiuse la porta alle spalle, Alex compreso.

Le ore successive divennero feroci per l’animo disturbato di Giorgia. Non poteva e non voleva accettare quella nuova realtà incombente sulla sua testa. Non sapeva come, ma era vivo. Lo aveva visto, due volte. La terra aveva gridato la sua vendetta, e quel corpo esamine, straziato da una lama di coltello, era ricomparso per tormentarla. Quel suo amore tormentato, era tornato.

  • Come reagisci alle critiche?

Le critiche non piacciono a nessuno, ma è altrettanto vero che non si può essere amati da tutti. Ognuno ha un suo stile e tutti abbiamo gusti differenti. Si deve imparare dalle critiche e vanno rispettate se queste, aggiungo, abbiano fondamenta valide per un confronto. La cattiveria gratuita non mi piace, non la tollero, in passato ci stavo male, oggi ho imparato a farmela scivolare addosso. La cattiveria purtroppo fa parte dell’umanità, ci sono persone buone e quelle cattive, l’importante è saper distinguere le une dalle altre e seguire sempre la propria strada.

  • Quali sono gli elementi per scrivere un buon libro?

Anni fa ho letto il libro On writing scritto dal maestro Stephen King, dove asserisce che un buon libro dovrebbe far ridere, sognare, emozionare e avere quel pizzico di giallo, che non guasta mai. Dico che sono d’accordo, oltre a essere scritto bene, ovviamente, penso siano ingredienti fondamentali, difficile da realizzare, ma non impossibile.

  • Parlaci dei tuoi progetti futuri

Amore Tormentato è il prossimo libro che pubblicherò su Amazon uscirà il 15 giungo 2016. Poi ci sarà il fantasy, il seguito di Patto con il vampiro, ma non ho ancora una data, credo verso la fine dell’anno. E poi sto lavorando a qualcosa cui tengo molto, ci penso dallo scorso anno, un progetto che spero possa piacere, non è un romanzo, ma riguarda sempre i libri e gli autori. Ma ancora non dico nulla, se ci riesco, avrete notizie nel mese di maggio.

download (1)-tile

Link utili per seguire l’autrice:

pagina facebook

Tiziana Cazziero Blog

Tiziana Cazziero Amazon

Precedente Segnalazione - Le ombre del cuore di Sara Purpura Successivo Recensione di "Io prima di te" Jojo Moyes